Non mancate al primo appuntamento il 29 gennaio alle ore 21:00 all’aula Morgagni del Policlinico dell’ospedale di Padova.

Associazione ex Alunni Antonianum: ciclo di incontri su significativi problemi di attualità

 “MUTAMENTI EPOCALI”: IL NUOVO CORSO DI CULTURA

PER RIFLETTERE SUI GRANDI TEMI DEL NOSTRO TEMPO

(VN-14/12/2018) – PADOVA – Con il titolo Mutamenti epocali: rischi e opportunità prosegue l’approfondimento iniziato, già negli anni scorsi, dal Corso di Cultura dell’associazione ex Alunni dell’Antonianum di Padova con il patrocinio del Comune di Padova. Ad autorevoli esperti il compito di analizzare i profondi cambiamenti che stanno avvenendo nella nostra società in un ciclo di cinque conferenze, seguite da dibattito col pubblico, che siterranno nell’Aula Morgagni del Policlinico Universitario (via Giustiniani 2, zona Ospedale a Padova), tra gennaio e febbraio 2019, sempre di lunedì alle ore 21(a ingresso libero).

Tutti i campi dello scibile umano sono oggetto di mutamenti sempre più veloci: ma mentre quelli ambientali e climatici, così come l’economia e la tecnologia, evolvono rapidamente, la cultura e i sistemi di valori non si adeguano allo stesso ritmo, accentuando così le differenze individuali e collettive. Mai come ora sono in crisi le relazioni a tutti i livelli e aumentano i conflitti, non solo bellici, spesso riconducibili al fatto che le differenze fanno problema e sono percepite come minacce da cui difendersi – pericoli contro cui lottare – e non come ricchezze da valorizzare.

In questo mondo in costante evoluzione ci si pone l’interrogativo se ci si trovi di fronte a un confronto-scontro planetario tra culture e civiltà diverse: si parla anche di scontro tra etiche differenti, a cui si aggiungono altri motivi di contrasto, in particolare sulle questioni fondamentali della vita. Viene messa in discussione l’idea stessa che abbiamo di umanità: siamo passati dal chiederci chi è l’uomo a che cos’è l’uomo. Non ultima la gestione del sesto continente, cioè del mondo virtuale, privo di tempo e spazio, che ha permesso un accesso infinitamente ampio – ma spesso estremo – al sapere e al suo utilizzo. Ma quali reali possibilità ha l’individuo di controllare, gestire e sfruttare una così grande potenza di memoria e di informazioni?

Ad inaugurare gli incontri lunedì 28 gennaio è stato chiamatoDario Antiseri, docente universitario, filosofo e scrittore. Nella sua lectioIl prezzo della libertà è l’eterna vigilanza invita a riflettere sul futuro, sempre meno prevedibile, in cui aumenta la paura dell’ignoto: qual è il prezzo che saremo chiamati a pagare per la nostra libertà? A Carlo Casalone, gesuita, medico, membro della Pontificia Accademia per la Vita e collaboratore nella Sezione scientifica, lunedì 4 febbraio il compito di analizzare ilruolo della Medicina tra tecno-scienza ed etica; mentre lunedì 11 febbraio Leonardo Becchetti, docente di Economia Politica, affronterà i Problemi dell’economia in un mondo globalizzato. Lo psichiatra Vittorino Andreoli discutelunedì 18 febbraio della famiglia digitale e conclude gli incontri lunedì 19 febbraio l’esperto di roboticaprof. Paolo Fiorinisulle nuove frontiere della robotica: implicazioni umane e sociali.

Per info e contatti: Padre Mario Ciman sj 348 8824846; ing. Francesco Angrilli 335 5223535