Registrati per ricevere la nostra newsletter e partecipare al dibattito dell'Associazione.

16
Dic

0

Residenza Messori: intervento del presidente Filippo Frattina

 

Come presidente della Cooperativa Messori cercherò di informare al meglio gli Ex-Alunni, gli alunni di oggi e la comunità universitaria di Padova sui progressi compiuti. E’ un intervento con un taglio principalmente amministrativo per illustrare in quale cornice economica e gestionale sia inserita questa importante e positiva esperienza. Penso si possa dire che è iniziata una fase nuova, quella di una buona stabilizzazione. La fase dell’emergenza e dell’esodo è finita non siamo ospiti precari della Diocesi come siamo stati fino al 2012 in Via Manin . E non siamo neppure sparsi in più appartamenti in zona Portello. E finita la “diaspora” degli alunni e possiamo dire di essere tornati a casa. Dall’anno scorso la Residenza Messori ha stipulato con la Compagnia di Gesù un regolare contratto di locazione ad uso abitativo per sei appartamenti in via Briosco. E c’è un’altra bella notizia: vi comunico la novità che il Centro Giovanile Antonianum è in fase di acquisizione di questi appartamenti dove vengono attualmente ospitati gli studenti, cosa che fa presupporre che il progetto della Residenza sia destinato a durare nel tempo e, probabilmente , anche a svilupparsi ulteriormente.

La Residenza ogni anno stipula un contratto di sublocazione della durata di un anno con gli studenti; questa modalità semplifica la verifica dei pagamenti e la restituzione delle caparre.

Le utenze vengono pagate da parte dell’amministratore del condominio, cosa che semplifica di molto la gestione della cooperativa che corrisponde alla proprietà una somma unica a titolo di canone di locazione e di rimborso spese per le utenze.

Sia i membri della Cooperativa che gli studenti che sono anche soci della stessa ( ovviamente non è in capo ai ragazzi, che partecipano con quota simbolica, la responsabilità civile amministrativa ) . Gli studenti vengono assicurati con una polizza per responsabilità civile per eventuali danni che potrebbero verificarsi.

La tenuta della contabilità ufficiale della Residenza Messori è attualmente affidata all’associazione di Categoria Confcooperative alla quale al momento aderiamo.

La tenuta della contabilità interna è affidata alla signora Romana Vallon che compie un prezioso lavoro di controllo del pagamento da parte degli studenti, sia per quanto riguarda le cauzioni che le rette mensili.

Oltre alla signora Vallon, molte persone danno il loro importante contributo alla gestione della cooperativa che altrimenti non potrebbe funzionare. L’ingegner Stefano Pavan, che ha calcolato l’ammontare della retta mensile in considerazione dei costi di gestione e del rischio d’impresa, Maria Luisa Vincenzoni e Massimo Rea che insieme a Davide Zanacchi stanno realizzando il nuovo sito internet, Daniela La Lampa per i contratti di assicurazione e Maurizio Confalonieri veramente essenziale quando si verificano guasti e rotture e per cose pratiche di ogni genere.

Ritengo tuttavia che i veri protagonisti della gestione siamo gli studenti che vivono e tengono in ordine gli appartamenti, che hanno effettuato la selezione dei nuovi studenti e che diffondono la conoscenza della Residenza, tramite la realizzazione di feste oltre al passa parola. Quest’anno il numero delle richieste ha di gran lunga superato il numero dei posti disponibili; il rapporto è stato circa cinque a uno, si potuto fare una selezione delle domande.

In sintesi rispetto al vecchio Collegio, si tratta di un nuovo modo di fare comunità e di stare assieme da parte degli studenti che hanno a disposizione lo strumento giuridico offerto dalla Cooperativa per poter risiedere a Padova in questo bel posto dove viene loro offerta una proposta di formazione umana e cristiana. Massimo Rea per dieci anni ha portato avanti i valori e lo spirito del Collegio interpretato in chiave moderna. Questo è oggi possibile grazie alla presenza di padre Nicola Gobbi veramente molto dedicato al progetto, di padre Ciman del Consiglio degli Ex alunni, ma direi anche di tutti i padri e dei laici che frequentano il Centro Giovanile che dimostrano segni di vero apprezzamento per l’iniziativa, che rimane pur sempre suscettibile di miglioramento.

Ritengo quindi che il finanziamento economico ricevuto dagli Ex Alunni per il riavvio della Residenza sia stato veramente essenziale e che, grazie a questo, si stanno avendo oggi i primi frutti; da un punto di vista finanziario il bilancio dell’esercizio sociale 2013-2014, che verrà presto approvato dall’Assemblea della Residenza Messori, prevede un utile di circa quattromila euro, secondo le esatte previsioni di inizio anno fatte dall’ingegner Pavan.

Nello spirito di un’educazione ignaziana l’avventura della comunità fraterna della Messori fortemente voluta da Padre Mario Ciman ha superato, anche grazie a tutti voi, le difficoltà della prima fase: adesso, ispirati dall’esperienza dello storico Antonianum, e con sostegno della Compagnia di Gesù, seguiamo assieme questa lunga strada.

FILIPPO FRATTINA- presidente cooperativa Padre Carlo Messori

 

Nessun commento

Commenta

Iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre aggiornato!

Per cancellarti dalla newsletter clicca qui.