Registrati per ricevere la nostra newsletter e partecipare al dibattito dell'Associazione.

31
Dic

0

Educazione, conversazione mondiale nella Compagnia – A cura di Piero Amodio

Il tema dell’educazione è caro a Papa Francesco che il 15 ottobre ha voluto fosse realizzato un importante incontro sul “Patto Educativo Globale”.  L’Educazione è un mandato per i Gesuiti che così contribuiscono alla promozione integrale della persona. Si tratta di valorizzarla nelle sue potenzialità particolari, curandone la “magnanimità”: sviluppare competenze per fare con generosità cose belle e buone, fedeli anche ai piccoli dettagli. Anche l’unione mondiale degli ex-alunni delle scuole e università dei Gesuiti (WUJA https://wuja.org) è coinvolta in questo obiettivo educativo e ha promosso colloqui internazionali sull’educazione.  Di recente, in un colloquio internazionale realizzato sul web, il tema è stato dibattuto da padre José Mesa S.J. (segretario internazionale per l’educazione secondaria della Compagnia di Gesù) e Regis Lordhou (ex-alunno e insegnante a Madurai, nell’India del sud). È stato sottolineato come la pandemia da SARS-COV-2, evento inatteso e sconvolgente, abbia comportato una sfida importante per le scuole e i percorsi educativi. Si è trattato di utilizzare le nuove tecnologie di teleinsegnamento. Si è dovuto imparare a sviluppare nuovi percorsi didattici nel mentre venivano realizzati, perché inediti, ma senza rinunciare ai 4 obiettivi di “Educate Magis”: coscienza, competenza, compassione, impegno. L’educazione, ha ribadito Mesa, è stata subito abbracciata dai Gesuiti come un impegno meraviglioso e, in effetti, è la più feconda e incisiva modalità per migliorare la realtà sociale e aiutare gli ultimi, sia pure non a breve termine e corto respiro.  L’intervento dell’insegnante Lordhou è stato suggestivo: ha voluto richiamare le molteplici dimensioni della persona umana che possono/debbono essere toccate dal processo educativo, che per essere umano deve essere molto diverso dall’addestramento che è proprio degli animali. Ha sottolineato come un’educazione umana debba sviluppare una serie di virtù: saggezza, razionalità, competenza, fermezza, pazienza, pietà, timore di Dio (cioè apertura e attenzione alla trascendenza), perdono, entusiasmo, misericordia, amorevolezza, filantropia, capacità di sacrificio (resistenza alla frustrazione, si direbbe oggi ove così poco si cura l’importanza che i giovani sino educati a resistere alle frustrazioni e alla fatica).

La spiritualità ignaziana, con la sua capacità di valorizzare la possibilità per la singola persona di aprirsi alla ricerca del bene in un intimo processo integrale di ragione e sentimento, nonché con la sua valorizzazione della generosità e della capacità di resistere alle avversità è intrinsecamente idonea a sostenere un percorso educativo e a formare persone che potranno agire della società per promuovere uno sviluppo umano sano. In realtà l’educazione è forse l’atto “politico” più radicale, forgiando persone non rivolte al meschino cabotaggio dell’utile immediato, ma orientate al vero e al bene integrale.

Lo stesso Pontefice insiste sul fatto che la formazione spirituale, con l’esercizio a non essere condizionati da passioni irrazionali ed egoiste) bensì autenticamente liberi per seguire il vero e il bene grazie all’apertura allo Spirito che opera in ognuno. La consuetudine con Gesù e la preghiera aiutano a scorgere la bellezza e il valore del creato, della collaborazione fra le persone con il coraggio che permette di andare anche verso il nuovo e l’inedito e la certezza che gli eventuali e probabili fallimenti sono sempre superabili, persino le ferite profonde della personalità e del carattere possono divenire feritoie per aprirsi al mondo in modo fecondo e personale.

Piero Amodio, presidente Ex Alunni del Collegio Antonianum

Nessun commento

Commenta

Iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre aggiornato!

Per cancellarti dalla newsletter clicca qui.

Corso di cultura 2023 Costruire la pace A 60 anni dalla Pacem in Terris

Quando:
da lunedì 30 Gennaio 2023
a lunedì 27 Febbraio 2023
Dove:
Le conferenze si terranno in Aula Morgagni, Via Giustiniani 2, Padova
Relatori:
Ticket:
Ingresso gratuito
Info:
Contattaci